AFGHANISTAN
L’Afghanistan è il Paese al mondo con la più alta mortalità infantile: su 1.000 bambini nati vivi, 116 moriranno prima di aver compiuto un anno di età.
Una donna ha in media 5 figli e un reddito familiare di meno di 80 euro al mese; l’affitto di una casa di una sola stanza è di circa 30 euro mensili.
Il 42% della popolazione ha meno di 14 anni.
L’aspettativa di vita è di 50 anni.
Il 30% dei bambini in età compresa tra i 4 e i 14 anni lavora.
Il 62% della popolazione è analfabeta, la maggioranza sono donne.

IL PROGETTO JAMILA
Dal 2003 Fondazione Pangea ha avviato a Kabul, capitale dell’Afghanistan il Progetto Jamila.
Attraverso questo progetto le donne possono frequentare i corsi di formazione professionale, educazione igienicosanitaria, diritti umani, alfabetizzazione e calcolo, ricevere assistenza medica soprattutto durante la gravidanza.
Inoltre, vero elemento che fa la diff erenza, le donne possono accedere al programma di microcredito, messo a disposizione di quante vogliono avviare o incrementare attività lavorative con le quali mantenere la famiglia, garantendo ai propri bambini cibo e istruzione.

CASA PANGEA KABUL
Nel giugno del 2012, sempre a Kabul, Fondazione Pangea ha inaugurato Casa Pangea, un luogo di accoglienza che rappresenta per molte famiglie disagiate la possibilità di assicurare ai propri bambini e bambine un posto sicuro dove poter seguire attività ludico-formative, allontanandoli al contempo dalla strada.
I piccoli hanno a disposizione giochi, materiali per disegnare e sviluppare la psicomotricità, libri e quaderni, lenzuolini e materassini per il riposo pomeridiano allestito in un’apposita sala.
Il centro, dotato di cucina, provvede anche ai pasti, che i bambini consumano insieme - equipaggiati di grembiulini - aiutati dalle maestre.